Dimmi dove abiti…e ti dirò chi sei.

31/08/2017

Per decenni in Italia si è costruito in fretta, dedicando poca o nessuna attenzione agli aspetti energetici e alla qualità dell’abitare.

Con i cambiamenti innescati dal riscaldamento globale, e l’attenzione crescente verso sostenibilità ed economia circolare, il settore edilizio ha conosciuto una trasformazione radicale in tutto il mondo, un’ondata di innovazione che si è protratta fino ad oggi.

Negli anni ’70 nasce e inizia a svilupparsi il concetto di Green Building. Un tipo di edilizia che ha come obiettivo quello di progettare, costruire e gestireedifici in modo efficiente a partire dall’attività di costruzione, tenendo conto dell’impatto ambientale e del consumo energetico che questa comporta.

Dopo anni di immobilismo, le nuove direttive dell’Unione Europea hanno incoraggiato anche il Bel Paese verso un investimento sempre maggiore nel settore dell’edilizia ecosostenibile.
Una tendenza “green” in continuo aumento che permette alle aziende italiane di sbizzarrirsi e mettere in mostra una creatività effervescente, attraverso l’impiego di materiali e soluzioni costruttive sempre più innovative e all’avanguardia.

In sostanza, possiamo riassumere i fattori che rendono una casa “green” in 4 parole chiave:

Materiali
Bioedilizia significa materiali naturali, ottenuti attraverso l’utilizzo di fonti rinnovabili, gestiti e raccolti in modo sostenibile o reperiti a livello locale per ridurre i costi del trasporto; o ancora meglio, riciclati da materiali di recupero presso siti nelle vicinanze.

Energia

Finestre, pareti e solai devono essere progettati in modo da captare, accumulare e distribuire l’energia solare sotto forma di calore in inverno, e respingerlo in estate.
Questo fattore, unito ad alti livelli di isolamento termico e infissi a risparmio energetico permette di ridurre drasticamente i costi di riscaldamento e raffrescamento di un edificio.
La luce naturale è considerata una risorsa fondamentale nella progettazione di una casa sostenibile, in quanto riduce di gran lunga il fabbisogno di energia elettrica dell’edificio ed incide sulla salute e sulla produttività dei suoi occupanti.
Da non scordare, edificio sostenibile vuol dire anche illuminazione artificiale efficiente e elettrodomestici a basso consumo energetico.

Acqua

Per ridurre al minimo il consumo d’acqua è possibile installare sistemi di captazione delle acque piovane che riciclano l’acqua per l’irrigazione o per lo scarico dei WC.
O ancora, ricorrere all’installazione di apparecchi idrici ad alta efficienza, come i servizi igienici a basso flusso d’acqua, rubinetti a chiusura automatica, o servizi igienici a compostaggio.

Salute
Per un alto livello di qualità dell’aria interna è necessario affidarsi a efficienti sistemi di ventilazione meccanica e deumidificazione, in grado di ridurre la proliferazione di muffe e batteri e quindi anche il rischio di sviluppo di reazioni allergiche e disturbi respiratori.

Ecco perché il team SmartEdil ha reso possibile realizzare degli interventi rapidi ed efficaci per incidere su ognuno di questi fattori, e rendere la propria abitazione, qualunque essa sia, più eco-friendly sostenibile.

Ognuno dei nostri prodotti, di facile e rapida installazione, interviene direttamente su isolamento termico, risparmio energetico, temperatura ottimale degli ambienti, acqua sana e cristallina e risanamento delle pareti domestiche.

Perché SmartEdil vede in un’abitazione “green” molto più di un modello di vita sostenibile, ma un concreto segno di cambiamento verso un futuro più luminoso.

CONTATTACI




    NEWSLETTER